top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreEl Pincha Uvas

Il dono


In Lombardia si corre sempre.

  • Il caffè al bar bisogna berlo in piedi al bancone, mica ci si può sedere a leggere il giornale o chiacchierare 10 minuti con un collega;

  • La pausa pranzo? Massimo di 30 minuti. Altrimenti diventi un fannullone. Se mangi un panino in ufficio davanti allo schermo sei considerato un vero lavoratore;

  • Andare a casa alle 17:00 anche se arrivi alle 7:00 del mattino tutti i giorni? In Lombardia diventi uno sfaticato senza voglia di fare nulla;

  • Vuoi essere un vero lavoratore? Manda i "calendar di outlook" con riunioni almeno alle 18:45. A nessuno importerà se passi la giornata a fare pubbliche relazioni o guardare siti inutili;

  • Organizzare una birra coi colleghi? Quasi più difficile che il lancio dello Sputnik.

  • Mariti i mogli? Hanno calendari condivisi di google per non dimenticare gli appuntamenti per il poco tempo che hanno per parlarsi.

  • Il compleanno dei figli? Ho conosciuto dirigenti a cui la segretaria glielo ricordava perchè altrimenti lo avrebbero dimenticato. Il ritmo del lavoro toglieva (annullava) spazio a ciò che conta. Oppure loro avevano priorità diverse da quelle che ho io in testa.


Questa è la nostra vita. Sempre così. Correre. Produrre. Produrre. Correre.


E invece quanto è bello potersi fermare ogni tanto, anche solo un attimo, per regalarsi o regalare qualcosa?

Non serve il diamante da un milione di dollari.

Ciò che ci soddisfa sono i dettagli, le piccole cose. Ci riempie il cuore sapere che siamo importanti per qualcuno.


Per renderci felici basta una colazione con due amiche.

O ricevere un regalo a Natale da chi e dove non te l'aspetti.

O fare una cena con amici, con di mezzo un bel vino, e ricevere una notizia meravigliosa mentre si morde un hamburgher cucinato con tanto amore... ma magari senza sale.

O trovare i bigliettini dei miei tre raggi di sole qui e là.

Non serve il diamante. Ricorderemo di più i dettagli inaspettati.


Per questo è bellissimo dare una notizia ai propri figli accogliendoli in modo inaspettato all'arrivo dalla scuola.


Oppure è meraviglioso pensare insieme a tuo figlio ad un regalo speciale e unico per il suo amico che compie 11 anni.

Non è il valore economico del regalo, del pensiero o del dono. In questo caso è irrisorio.

Ma Teudis avrà regalato qualcosa di pensato. E sarà contento quanto il festeggiato.

E il suo amico saprà di essere stato pensato perchè il dono è stato fatto, pensato e creato per lui.

Solo per lui.

E questo non si paga con tutti i soldi del mondo.



Il dono.

Lo è per chi lo pensa.

Lo è per chi lo fa.

Lo è per chi lo riceve.


In Lombardia si corre sempre.

Ma siamo sicuri che correre sempre ci fa arrivare felici più lontano?




93 visualizzazioni
GPTempDownload (8).jpg

EL PINCHA UVAS

bottom of page