Cerca
  • El Pincha Uvas

✨🎶 ÖON THE WEATHÊRR 🎶✨

Ti è mai capitato di essere in un gruppo di amici e usare delle battute che capite solo voi?

Ti è mai capitato di usare delle parole inventate con tua sorella, il tuo miglior amico o tra i colleghi di lavoro?


Lo so.

Quella parola o quella frase inventata significa qualcosa di ben preciso.

Ma per chi ascolta "da fuori" è impossibile da comprendere.


Delle volte sono battute effimere, che si dimenticano dopo poco tempo.

Delle volte nascono dei soprannomi che restano per sempre. E che magari verranno tramandati per generazioni.

Delle volte sono canzoncine che nascono durante un viaggio.


Può accadere tutto. E anche il contrario di tutto.

Ma queste situazioni, spesso incomprensibili, nascono sempre in luoghi dove la positività è alle stelle.


Secondo te, sono mai capitati momenti di "cameratismo positivo" in luoghi pieni di negatività o rapporti tesi?

Per me no!!


Come sempre la vita ci insegna delle cose.

Come ad esempio che i luoghi positivi non vanno dati per scontati.

Nulla ci è dovuto.

Nulla ci verrà mai regalato.


Il bello va ricercato.

Il bello va lavorato.

E soprattutto, il bello va guadagnato.

  • I luoghi positivi vanno coltivati, come succede con i fiori.

  • La semina, deve essere messa nella terra fertile. Se non semini, non nascerà nulla. E la tua semina la puoi curare solo tu. Nessuno lo potrà fare al posto tuo.

  • L'acqua, serve. Per alimentare il seme. Devi innaffiare. E devi farlo con costanza.

  • E le finestre. Aprile. Non stare nel buio. Deve entrare il sole. Il fiore e le piante ne hanno bisogno per crescere.


Qualche settima fa io ed "i tre raggi di sole" eravamo in uno dei nostri splendidi viaggi con il camper.

E' stato un bellissimo weekend.

Abbiamo dormito in mezzo al nulla, come ci piace fare.

Quando siamo arrivati i ragazzi hanno fatto i compiti in un'area pic-nic nel bosco.

Io mi sono messo a cucinare un risotto con le verdure.




Che bello svegliarsi e bere il caffè con un paesaggio splendido di fronte.





Quel giorno abbiamo camminato e camminato per raggiungere la cima a 1700 mt, già in territorio svizzero.

E' stata una giornata stupenda.


Quando si sta insieme si chiacchiera tanto.

Si fa fatica insieme.

E si fa tutto con la consapevolezza che la cima ci regalerà delle belle emozioni.


Dal nostro stare insieme si torna sempre colmi di ricordi, di esperienze, di aneddoti.

Si ritorna sempre con il desiderio di poter vivere altre avventure insieme.

E' sempre così.


Quel giorno, al ritorno dal Monte Generoso, dopo aver camminato più di 6 ore , abbiamo deciso di fare merenda alla baita di Orimento.


Eravamo stanchi. Ma felici.

Aspettavamo il nostro cibo.

In silenzio.


E Jordi cosa fa?

Si inventa una canzoncina. Semplice. Sciocca se vuoi. Ma gioiosa.

E lo fa dal nulla.

In modo inaspettato.


Appena canta ci guardiamo tutti.

E scoppia una risata assurda.

Bellissimo.


Da allora sono passate settimane.

Nel frattempo abbiamo già fatto altre gite. Abbiamo dormito al passo Faiallo. E fatto il bagno al mare.


Ma ormai lo slogan "ÖON THE WEATHÊRR", che non vuol dire assolutamente nulla, è rimasto nella storia.

E ogni tanto lo cantiamo.




Nulla succede per caso.

Semina il tuo terreno.

Innaffia.

Fai entrare il sole.

E soprattutto fallo con costanza.


Nulla ci verrà mai regalato.

Il bello va ricercato.


Grazie ragazzi miei.





61 visualizzazioni0 commenti

EL

PINCHA UVAS